spezyale giardino segreto

Il giardino segreto

Il giardino segreto

Oltre le alte mura che proteggono dalla vista come un potente abbraccio, grovigli di erbacce infestanti si inerpicavano lungo le colonne diroccate e i muretti in pietra ridotti in cumuli di massi.
Piante casuali affollavano rumorosamente il silenzio della sospensione, nascondendo il tracciato dei viali. Qui, un tempo, doveva stendersi il piacevole percorso di una passeggiata, e all’ora del caffè un aroma intenso creava nuvole di piacere sotto i pergolati.
Poi un lungo periodo di silenzio, la porta serrata come a custodire l’incanto del luogo in una magia d’oblio. Fino a che gli ultimi proprietari non hanno dischiuso la vecchia serratura, con il desiderio di restituire quello spazio alla sua antica bellezza, invitandoci a entrare.–
Sembra proprio “Il giardino segreto”, il luogo incantato protagonista del romanzo di Frances Hodgson Burnett, il progetto a cui Spezyale sta lavorando in uno splendido angolo di Puglia.
Qui sorge una villa storica che conserva un giardino risalente a fine Ottocento, il quale attende soltanto cure e immaginazione per tornare ad essere il cuore pulsante della tenuta.
Il nostro lavoro è cominciato dallo studio degli spazi originali, in vista di un ripristino dell’“ambiente emotivo” che doveva accogliere passeggiate, giochi e momenti di riposo, con l’ambizione di riportarne alla luce l’antico fascino facendolo dialogare con le necessità del nuovo millennio.
Il lavoro, cominciato agli inizi di settembre, richiede di rimuovere temporaneamente colonne e muretti, pietra per pietra, al fine di consolidarne la struttura e, quindi, ricollocarli nella posizione originaria. Nel frattempo ripercorriamo gli incroci dei viali, in modo da rintracciarne la direzione.
Ma il lavoro che più ci emoziona riguarda loro, le antiche protagoniste del giardino: le piante.
È con i loro colori e il loro profumo che vogliamo scrivere una nuova pagina di poesia per questo luogo. A lato degli ulivi monumentali risorgeranno le aiuole che separavano i camminamenti, mentre nuovi tralci di vite cresceranno per garantire una piacevole ombreggiatura nelle afose giornate dell’estate pugliese. Un altro pergolato sarà fatto di limoni rampicanti, un’essenza profumata e altamente suggestiva di cui abbiamo già sperimentato la bellezza in altri nostri progetti.
Il nuovo cuore del “giardino segreto” saranno tuttavia le rose. Ne abbiamo trovate un gran numero, di specie antiche e ormai quasi sconosciute, nel vivaio che Titti Giacovelli coltiva con passione artigianale. Di queste lei ha scelto poche varietà da combinare nel nostro giardino, tutte rigorosamente bianche. Ci piace l’idea che il candore invada lo spazio e si confronti con i tralicci di ferro su cui si arrampicheranno, come rovi naturali liberi di inerpicarsi verso il cielo.
Il progetto del giardino si concluderà entro un paio di mesi. Dopo, non ci resterà altro che aspettare la primavera per vedere il nostro lavoro finalmente in fiore.
spezyle_giaridno_segreto-8

spezyle_giaridno_segreto-7

spezyle_giaridno_segreto-1

spezyale giardino segreto

spezyle_giaridno_segreto-3

spezyle_giaridno_segreto-4

spezyle_giaridno_segreto-5

SEND MESSAGE

Name (required)

Email (required)

Subject

Message

×

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi